Il nostro territorio

Penisola Sorrentina

La Penisola Sorrentina ( Italia, regione Campania, provincia di Napoli ) è il tratto di costa che si estende da Vico Equense a Punta Campanella. La Penisola Sorrentina separa geograficamente il golfo di Napoli dal golfo di Salerno ed è completamente attraversata dalla catena montuosa dei Monti Lattari, che degradando verso il mare terminano con Punta Campanella. Di fronte a quest’ultima, a poche miglia marine, si ammira la splendida isola di Capri, un tempo attaccata alla terra ferma ed oggi ideale proseguimento della penisola oltre il mare.
Bagnata dalle acque blu del Mar Tirreno Penisola Sorrentina incanta i suoi visitatori con la vista incomparabile del magnifico Golfo di Napoli e le sue perle: maestoso Vesuvio, vivacissima Napoli, lussureggiante isola di Ischia, rocciosa e mondana isola di Capri, mitica e coloratissima isola di Procida, ed ovviamente Sorrento – l’incontrastata regina dell’intera Penisola e una delle più affermate mete del turismo internazionale .

Sorrento


Sorrento patria del poeta Torquato Tasso, Sorrento terra dei colori, Sorrento terra delle Sirene, Sorrento città dei giardini di agrumi. Protesa sul Tirreno quasi a toccare l’isola di Capri, situata su un terrazzo di roccia a picco sul mare offrendo in ogni angolo scorci panoramici e viste mozzafiato ed il meraviglioso scenario naturale fa della Penisola Sorrentina uno dei siti turistici più famosi d’Italia.
Moltissimi celebrità vengono qui ogni anno per ammirare questo paesaggio unico al mondo, dove si alternano alte e basse colline a profondi valloni e maestose montagne, dove l’opera dell’uomo ha trasformato le zone più impervie nelle famose terrazze e gradoni di terra, sui quali si coltivano aranci, limoni, ulivi e viti. Sono i giardini di delizia dai quali in primavera esala un profumo inebriante di zagara.
La leggenda narra che nel suo mare abitavano le mitiche Sirene che tentarono Ulisse con un canto melodioso. E ancora oggi ad andare su quel mare – dai riflessi blu e verdi, in mille sfumature diverse secondo il gioco del sole – si può immaginare che dalle onde emergano – bellissime e suadenti – le Sirene.